Una famiglia polacca Ŕ visitata da un volto spettrale giallo-verdastro. Il volto, che appare negli specchi prima di ogni morte in famiglia, non ha mai parlato, ma ogni volta che appare ha un'espressione di gioia demoniaca.

Anche le famiglie reali hanno i loro fantasmi. La famiglia imperiale russa era visitata da un fantasma che appariva ai suoi membri in punto di morte. Nel 1796, l'imperatrice Caterina vide il fantasma seduto sul trono e comand˛ alle guardie di sparargli. Il fantasma svaný, e Caterina mori poco dopo.


Fantasmi di famiglia

Molte famiglie hanno i loro fantasmi, che vivono con loro anche per secoli. Spesso un fantasma si unisce alle famiglie aristocratiche, perchÚ ai tempi in cui i nobili esercitavano diritto di vita e di morte sulla gente comune, i delitti da loro commessi restavano spesso impuniti. I conti scozzesi di Airlie, che vivono nel castello di Cortachy, sono perseguitati dal fantasma di un tamburino. Si racconta che molto tempo fa uno dei conti uccise il ragazzo gettandolo dalla torre del castello rinchiuso dentro al suo tamburo. Prima di morire, il ragazzo promise di "visitare" la famiglia, e da allora, prima della morte di uno dei conti, si sente il suono spettrale di un tamburo. Ma non sono solo le famiglie ricche e potenti ad avere i loro fantasmi. In Norvegia, da generazioni, una famiglia riceve preannunci di morte dai fantasmi. Prima di una morte in famiglia compaiono cuscini e coperte: le coperte rivelano la sagoma di una persona stesa sotto di esse, e qualche volta uno dei cuscini prende la forma di un volto dall'aspetto maligno. In Danimarca, la famiglia di un negoziante Ŕ "visitata" dalla misteriosa apparizione su una parete della sagoma di una forca dalla quale pende un corpo. Si dice che il fenomeno abbia avuto inizio 150 anni fa, quando un antenato fu ingiustamente accusato di furto e poi impiccato.

Luci e ombre

Molte famiglie europee, soprattutto in Russia, Svezia e Galles, sono visitate da strane luci, chiamate fuochi fatui, che sono presagio di morte. Alcuni fantasmi di famiglia sono apparsi in forme poco comuni, per esempio come uno sciame di moscerini in Russia o come maiali grigi in Danimarca. Ma non tutti i fantasmi di famiglia preannunciano inevitabilmente morte. In Scozia, un ramo del clan Campbell era visitato dalla "signora verde", che appariva triste in occasione di una morte in famiglia, ma allegra per un avvenimento gioioso; inoltre le piaceva fare il solletico ai bambini quando erano a letto.

Fate e banshee

Una banshee Ŕ un tipo di fata, raramente visibile, che si unisce a una famiglia irlandese (e qualche volta scozzese) e geme e si lamenta quando qualcuno della famiglia muore. Qualche volta la si sente anche ripetere sommessamente il nome della persona che deve morire. Nell'Europa del Nord la maggior parte della gente credeva alle fate, e molti ci credono ancora oggi. Qualche volta una fata si installa in una casa e sbriga le faccende domestiche mentre la famiglia dorme. Se le fate vengono offese, possono combinare guai nella casa e far ammalare sia le persone della famiglia che gli animali.

La strega dalla goccia al naso

La strega dalla goccia al naso Ŕ orribile a vedersi: ha ali nere, lunghi capelli arruffatti, la gobba e gli artigli al posto delle dita. E uno spirito che si manifesta solo alle famiglie gallesi e nel Galles viene chiamata Gwrach-y-rhibyn. Come una banshee, appare soltanto alla morte di un membro della famiglia, e fa terribili rumori: geme e si lamenta, sbatte le ali e batte alle finestre con gli artigli. A volte Ŕ stata vista volare di notte sui campi e sui sentieri, diretta alla casa dove annuncerÓ il verificarsi di un decesso.

Circa cent'anni fa una strega dalla goccia al naso si vedeva spesso vicino alle rovine del castello di Pennard, nel Galles. Si diceva che cercasse la famiglia della quale, in un certo senso, faceva parte, ignorando che la famiglia stessa era ormai estinta. Sebbene questo tipo di strega visiti generalmente famiglie antiche e potenti, pu˛ apparire a chiunque abbia puro sangue gallese.


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tutti i diritti sono dei
rispettivi proprietari.

2001 CastleRock Int.